Il declino della Cina (presunto)

China flag

Risposta al post del Sig. Cristiano Donelli : POSSIAMO PENSARE CHE LA CINA INIZI A DECLINARE?

Ovviamente ognuno e’ libero di pensare quello che vuole … pare vi siano due terrapiattisti dispersi nel mediterraneo che cercavano la fine della terra… si figuri se Lei non può pensare quanto sopra.

Certo e’ che pensarlo e’ un azzardo…

Usare termini e paragoni come quelli da Lei esposti evidenza una grossolana mancanza di informazioni essenziali, ma proprio l’ABC dei dati economici di quel Paese.

Un dato semplice, poi lascio la parola ai numeri …ha provato a calcolare il valore complessivo della crescita annu su anno? A quanto ammonta quel numerino prima del segno %?

Fuoco alle polveri dunque.

Il governo Cinese ha avviato le sue riforme economiche nel 1978 sotto la guida di Deng Xiaoping.

Di conseguenza, la Cina ha nel mondo la maggiore economia in crescita più rapida, con i tassi di crescita media 10% per trent’anni.

La Cina ha quattro dei migliori dieci centri finanziari più competitivi al mondo, più di qualsiasi altro paese sia per capitalizzazione di mercato che volume di scambi, la capitalizzazione totale dei mercati azionari cinesi e’ costituita dalla Shanghai Stock Exchange e Shenzhen Stock Exchange, al vertice di US$10 trilioni, escluso il valore del’Hong Kong Stock Exchange, con circa US$5,9 trilioni.

A fine giugno 2020, gli investitori stranieri avevano acquistato un totale di US$440 miliardi di azioni cinesi, che rappresentano circa 2.9% del valore totale, indicando che gli investitori esteri hanno raccolto un totale di US$156,6 miliardi nelle scorte appena nella prima metà del 2020.

Il valore totale del mercato obbligazionario cinese ha superato il livello USA$15,4 trilioni, classificato al di sopra di quello del Giappone e dell’U.K., e secondo solo a quello degli Stati Uniti con US$40 trilioni ,a partire dall’inizio di settembre 2020.

A partire dalla fine di settembre 2020, le partecipazioni estere di obbligazioni cinesi raggiunsero US$388 miliardi, o 2.5%, del valore complessivo, nonostante un aumento di 44.66% anno dopo anno.

A partire dal 2019, il settore pubblico cinese ha contabilizzato 63% dell’occupazione totale. Secondo il FMI, su una base di reddito pro capite Cina classificata 59ma per PIL (nominale) e 73ma by PIL (PPP) nel 2020 il PIL della Cina era $15,66 trilioni, legga bene questo numero Doninelli … il paese ha risorse naturali 90% delle quali sono carbone e metalli con terre rare.

La Cina ha anche il più grande patrimonio totale del settore bancario mondiale di circa $45,838 trilioni (309,41 trilioni CNY) con $42,063 trilioni in depositi totali e altre passività.

Investimenti esteri diretti in Cina, che sono in totale circa US$1.6 trilioni a fine di ottobre; direttamente e indirettamente hanno contribuito circa per un terzo del PIL della Cina e un quarto di posti di lavoro A partire dalla fine di giugno 2020, lo stock FDI in Cina ha raggiunto US$2,947 trilioni, e lo stock FDI in uscita della Cina si trovava a US$2,128 trilioni.

Le attività finanziarie estere totali possedute dalla Cina hanno raggiunto US$7,860 trilioni, e le sue passività finanziarie estere US$5,716 trilioni, rendendo la Cina la seconda nazione creditrice più grande dopo il Giappone nel mondo.

La Cina è il più grande beneficiario di investimento diretto estero nel mondo a partire da 2020,che riceve afflussi di $163 miliardi, ha il secondo più grande investimento estero diretto, US$136,91 miliardi per 2019, dopo il Giappone al US$226,65 miliardi per lo stesso periodo.

Nel 2018 la Cina è stata prima nel mondo in numero totale di miliardari e seconda in milionari – c’erano 658 miliardari cinesi e 3.5 milioni di milionari.

la Cina è anche sede di più di duecento start-up di tecnologia privata (unicorni tecnologici), ciascuna con una valutazione di oltre $1 miliardo, il numero più elevato al mondo.

la Cina ha le più grandi riserve mondiali valuta estera valore $3,1 trilioni, ma se sono incluse le attività estere delle banche commerciali statali della Cina, il valore delle riserve cinesi aumenta a quasi $4 trilioni.

Puo bastare per dire che e’ iniziato il declino?

Ogni commento anche se contrario, purché coerente e non offensivo verra pubblicato.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *